Il progetto si sviluppa in due direzioni. Da un lato si pone in relazione al luogo delineando una geografia onirica e silenziosa, dall’altro indaga il soggetto e la sua capacità di astrazione.

 

Le prima strada è un labirinto di frammenti immaginati, dove il camminare condiziona lo sguardo e lo sguardo il cammino, ma non si torna indietro né si va avanti.

È un continuo rovistare in armadi scatole e cassetti, pieni di cose senza senso, passando da ansie a stanze. I soggetti sono lì, bloccati nel sovrappensiero. Sempre di spalle, immobili non fanno nemmeno un cenno di saluto, forse stanno meditando la fuga, hanno grandi speranze per la prossima vita.

La fuga e il ritorno, in un susseguirsi continuo, sono alla base del progetto, in una contraddizione continua tra nostalgia desiderio di essere altrove, di estraniarsi dal rumore.

tanka013.jpg

parte

Da un'altra

carrara039.jpg
15.jpg
lowbambi.jpg
fondalelow_1340_c.jpg
img311 copia.jpg
img153.jpg
0008.jpg
caltanissetta006.jpg
telefriuli.jpg
alveo 1948357.jpg
gambemano.jpg
 ginocchi.jpg
bigodini21.jpg
cassetto.jpg
7.jpg
11.jpg
27.jpg
agosto14157.jpg
luglio 2015093.jpg
giallona.jpg
Untitled-1 copia 3.jpg
alveo 1948353.jpg
alveo 1948293.jpg
luglio 2015092.jpg
cinghiale.jpg
Untitled-1 copia 3.jpg
scan015_edited.jpg
5.jpg
btl001.jpg
sorelle.jpg
img302.jpg
alveo 1948217.jpg
circo.jpg
sard017.jpg
contacts.jpg
img130.jpg
26.jpg
raid.jpg
DEPA1.jpg
 .jpg
grappa105.jpg